lunedì 28 febbraio 2011

Sampdoria - Inter 0 - 2 commento

Il posticipo serale Sampdoria - Inter della 27a giornata di serie A 2010/11 si è concluso con la vittoria per i nerazzurri per 2 a 0 che porta la squadra di Leonardo al momentaneo secondo posto in classifica aspettando il match Milan - Napoli.

Il tabellino di Sampdoria - Inter:

Marcatori: 28' st Sneijder, 49' st Eto'o

Sampdoria: 85 Curci; 26 Volta, 28 Gastaldello, 6 Lucchini; 7 Mannini, 4 Dessena (32' st Biabiany), 16 Poli (43' st Macheda), 17 Palombo, 3 Ziegler; 8 Guberti (39' st Koman); 32 Maccarone
A disposizione: 1 Da Costa, 18 Laczko, 25 Martinez, 78 Zauri
Allenatore: Domenico Di Carlo

Inter: 1 Julio Cesar; 55 Nagatomo, 6 Lucio, 15 Ranocchia, 26 Chivu; 4 Zanetti, 5 Stankovic, 14 Kharja (18' st Pandev); 10 Sneijder; 7 Pazzini (43' st Mariga), 9 Eto'o
A disposizione: 12 Castellazzi, 8 Thiago Motta, 20 Obi, 23 Materazzi, 29 Coutinho
Allenatore: Leonardo

Arbitro: Andrea Gervasoni (sez. arbitrale Mantova)

Ammoniti: 25' st Lucio, 27' st Gastaldello, 34' st Volta, 36' st Poli, 45' st Chivu. Recupero: pt 1, st 4

Commento Sampdoria - Inter:

primo tempo

assente Maicon per squalifica, a destra Nagatomo; altra sorpresa nelle file nerazzurre è il recupero lampo di Ranocchia che si sospettava dovesse restare fermo almeno 10 giorni.

Il ritmo è vivace ma le occasioni da gol mancano, addirittura la Sampdoria sembra più forte a centrocampo e tiene in apprensione la retroguardia nerazzurra dove si registrano un ottimo Ranocchia a centrale e Nagatomo sulla fascia destra.

La Sampdoria spesso va all'attacco ma la difesa interista respinge con facilità grazie a Lucio e Nagatomo che al contrario di Maicon torna spesso nelle retrovie ad aiutare i centrali.

Finalmente al 16' l'Inter si fa pericolosa grazie a un calcio di punizione battuto benissimo da Sneijder  che viene parato da Curci con affanno.
Un minuto dopo risponde Maccarone ma Julio Cesar non si fa sorprendere; fino al 34' l'Inter subisce gli attacchi dei padroni di casa che non vanno in porto perchè le conclusioni sono pessime; poi va vicinissima al gol grazie a un cross di Pazzini che Kharja non raccoglie a centro area di rigore Sampdoriana davvero per pochissimo: bastava si fosse trovato pochi centimetri più lontano dalla porta blucerchiata che avrebbe avuto tutto il tempo per tirare e aspirare a portare in vantaggio gli ospiti!
Al 39' Ranocchia e Nagatomo sventano una minaccia avversaria ma i brividi vengono al 43' con un palo colto da Poli con Julio Cesar spiazzato.
Al 45' finalmente Eto'o tocca un pallone in posizione interessante, riesce a tirare in porta ma la conclusione è troppo debole e Curci para senza problemi.

Davvero difficile per l'Inter il primo tempo, secondo me il peggiore è stato Pazzini che non ha toccato un pallone e Kharja nonostante abbia corso tanto; Eto'o ha toccato pochi palloni ma la sua presenza è sempre importante perchè comporta una marcatura di due avversari, ottimi Lucio e Ranocchia che dimostrano sempre di più di essere una sicurezza in difesa e di far stare tranquillo Julio Cesar; Sneijder si è mosso molto bene e ha subito tantissimi falli ma l'arbitro Gervasoni non l'ha voluto proteggere e così Ziegler è stato invitato a pasta asciutta a prenderlo a calcioni!
Bravo Nagatomo che non solo ha crossato ma è stato validissimo il suo contributo in fase difensiva, forse meglio di come avrebbe giocato Maicon...
Stankovic si è visto pochissimo nei primi 45 minuti ma i suoi passaggi sono sempre efficaci.

Secondo tempo

la Sampdoria ha iniziato forte la ripresa con Dessena e Maccarone ma in difesa l'Inter ha i migliori centrali al mondo!
Partita molto equilibrata e sembra veramente che i nerazzurri debbano rinunciare ad aggiudicarsi il match perchè i blucerchiati si chiudono in difesa con 9 effettivi e per l'Inter non è facile costruire un'azione d'attacco importante.
Al 17' Julio Cesar para una conclusione di Maccarone.
L'unico che sta giocando sottotono è Kharja, infatti bravissimo Leonardo a toglierlo per inserire Pandev al 18': a questo punto la partita cambia perchè gli ospiti hanno più gioco in attacco e la Sampdoria non riesce a difendere bene visto che c'è un uomo in più da controllare e poi Sneijder all'improvviso sale in cattedra distribuendo palloni a tutti.

Dopo una miriade di falli subiti dall'olandese, il primo ammonito della gara è Lucio al 25' della ripresa!
Al 27' l'Inter accellera con Eto'o che serve Pazzini ma la sua conclusione di testa viene parata da Curci; pochi secondi dopo viene ammonito Gastaldello per un brutto intervento su Pazzini e sulla conseguente punizione da posizione centrale, di poco fuori area, Sneijder magistralmente insacca spiazzando Curci!
Inter incredibilmente in vantaggio e a quel punto la Samp accusa il colpo, vengono ammoniti al 34' e 36' Volta e Poli mentre al 35' Sneijder colpisce il palo su punizione.
Al 43' è uscito Pazzini tra gli applausi del suo ex pubblico ed entra Mariga.
Al 44' Pandev serve Eto'o che va al tiro ma Curci respinge con i pugni, al 45' viene ammonito Chivu.

Sampdoria buttata in avanti alla ricerca disperata del pareggio durante i 4 minuti di recuperi concessi da Gervasoni, sul contropiede è Eto'o al 48' a tirare in porta e farsi parare l'interessante conclusione da Curci.
Un minuto più tardi Eto'o di destro rasoterra realizza il secondo gol che porta alla vittoria l'Inter dopo 4 anni al Marassi.

Luc Castaignos all'Inter

Colpo di mercato dei nerazzurri che da giugno avranno a disposizione il talentuoso Castaignos, giovane olandese nato nel '92 appena arrivato a Milano per sostenere le visite mediche e firmare il contratto ma poi tornerà a casa per completare il campionato con la maglia del Feyenoord.
Luc Castaignos è attaccante e in Olanda lo paragonano già ad Henry.

domenica 27 febbraio 2011

Sampdoria - Inter, 27 febbraio 2011, ore 20 e 45

Stasera il posticipo Sampdoria - Inter della 27a giornata di serie A 2010/11 chiude la domenica calcistica ma non l'intero programma visto che domani sera c'è la sfida di lusso Milan - Napoli.
In basso le formazioni di Sampdoria - Inter:

Sampdoria (4-4-2): Curci; Martinez, Lucchini, Gastaldello, Ziegler; Dessena, Palombo, Poli, Guberti; Biabiany, Maccarone. All.: Di Carlo.

A disposizione: Da Costa, Lackzo, Volta, Mannini, Koman, Macheda, Zaza. 

Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Zanetti, Lucio, Chivu, Nagatomo; Stankovic, Khara, Mariga ; Sneijder; Pazzini, Eto'o. All.: Leonardo 

A disposizione: Castellazzi, Ranocchia, Materazzi, Obi, Thiago Motta, Coutinho, Pandev. 

Nell'Inter dunque recuperano in fretta Ranocchia e Thiago Motta.

Risultati 27a giornata di serie A 2010/11

Dopo aver inserito sul blog i risultati parziali pochi minuti dopo l'inizio dei secondi tempi della 27a giornata di serie A 2010/11 di oggi 27 febbraio 2011 e l'aggiornamento a 5 minuti dalla fine, ecco i risultati finali delle partite iniziate alle ore 15:
Roma - Parma 2 - 2 (doppietta di Amauri per gli ospiti in 5 minuti: 74' e 79'. Negli emiliani è stato espulso Paci all'80'),
Bari - Fiorentina 1 - 1,
Brescia - Lecce 2 - 2,
Cagliari - Lazio 1 - 0,
Cesena - Chievo 1 - 0
Palermo - Udinese 0 - 7 (Bacinovic al 40' e Darmian al 60' dei Rosanero sono stati espulsi).
Ore 12 e 30:
Catania - Genoa  2 a 1.

L'anticipo di ieri sera ore 20 e 45 tra Juventus - Bologna è terminato 2 a 0 per gli ospiti grazie alla doppietta dell'ex Di Vaio.

Stasera ore 20 e 45 il posticipo Sampdoria - Inter e domani sera Milan - Napoli.

In basso tutti i collegamenti con i risultati dalla 1a alla 24a giornata di serie A 2010/11:

Risultati parziali di calcio 27a giornata di serie A 2010/11

In precedenza ho messo i risultati parziali pochi minuti dopo l'inizio dei secondi tempi della 27a giornata di serie A 2010/11 di oggi 27 febbraio 2011.
In questo momento le partite sono quasi tutte a 5 minuti dalla fine, salvo eventuale recupero.
In basso i risultati aggiornati all'85':
Roma - Parma 2 - 2 (doppietta di Amauri per gli ospiti in 5 minuti: 74' e 79'. Negli emiliani è stato espulso Paci all'80'), Bari - Fiorentina 0 - 1, Brescia - Lecce 2 - 2, Cagliari - Lazio 1 - 0, Cesena - Chievo 0 - 0 e Palermo - Udinese 0 - 7 (Bacinovic al 40' e Darmian al 60' dei Rosanero sono stati espulsi).
Il risultato finale di Catania - Genoa iniziata alle 12 e 30 è di 2 a 1 a favore dei siciliani.

Risultati parziali 27a giornata di serie A 2010/11

Iniziati da pochi minuti i secondi tempi delle partite di serie A della 27a giornata di calcio, di oggi 27 febbraio 2011.
In basso i risultati aggiornati al 55':
Roma - Parma 2 - 0, Bari - Fiorentina 0 - 1, Brescia - Lecce 2 - 1, Cagliari - Lazio 1 - 0, Cesena - Chievo 0 - 0 e Palermo - Udinese 0 - 6 (Bacinovic dei Rosanero è stato espulso al 40' del primo tempo).
Il risultato finale di Catania - Genoa iniziata alle 12 e 30 è di 2 a 1 a favore dei siciliani.
Aggiornamento all'85' minuto su quest'altro post e in questo collegamento i risultati finali.

Juventus - Bologna 0 - 2

In basso gli highlights di Juventus - Bologna:

la Juventus ieri sera, 26 febbraio 2011, nell'anticipo serale della 27a giornata di serie A ha perso per 2 a 0!

In basso il tabellino di Juventus - Bologna:

49′, 66′ Di Vaio (B).

Juventus (4-4-2): Storari; Grygera (69′ Pepe), Barzagli, Bonucci, Chiellini; Krasic, Felipe Melo, Marchisio, Martinez (46′ Del Piero); Iaquinta (46′ Toni), Matri. A disposizione: Manninger, Motta, Salihamidzic, Traoré, Pepe, Toni, Del Piero. All.: Del Neri.

Bologna
(4-3-1-2): Viviano; Esposito (31′ Mutarelli), Portanova, Britos (76′ Cherubin), Rubin; Perez, Mudingayi, Casarini; Della Rocca; Meggiorini (88′ Buscé), Di Vaio. A disposizione: Lupatelli, Cherubin, Morleo, Mutarelli, Buscé, Gimenez, Paponi. All.: Malesani.

Arbitro: A. Romeo di Verona.

Ammoniti: Mutarelli (B), Britos (B), Pepe (J).

Il 19 febbraio 2011 Del Neri disse "Obiettivo terzo posto" e poco dopo venne la sconfitta di Lecce e quindi questa di Bologna, 7 giorni dopo, per 2 a 0!

sabato 26 febbraio 2011

Rugby: Italia - Galles finita 16 a 24

La terza partita del 6 nazioni di rugby tra Italia e Galles di oggi 26 febbraio 2011 è terminata 24 a 16 (21 a 11 per gli ospiti al termine del primo tempo) a favore dei britannici.
Ennesima sconfitta per gli Azzurri davanti a 33 mila spettatori del Flaminio di Roma nonostante il cuore dimostrato dai nostri giocatori, ma alcune ingenuità si sono pagate care come gli errori di Bergamasco e Orquera con son costate ai nostri 10 punti.

L'incontro è stato arbitrato dall'inglese Barnes.
Ecco i marcatori:

nel primo tempo
3' Jones calcio piazzato, 5' Canale meta, 9' Stoddart meta, 13' Mi. Bergamasco calcio piazzato, 14' Warburton meta, trasformata Jones, 25' Mi. Bergamasco calcio piazzato, 38' Jones calcio piazzato, 40' Jones calcio piazzato.

Nel secondo tempo 12' Parisse meta, 34' Hook drop.

Juventus - Bologna, stasera 26 febbraio 2011, ore 20 e 45

Stasera parte la 27a giornata di serie A con l'anticipo serale delle ore 20 e 45 tra Juventus e Bologna.

Ecco le probabili formazioni di Juventus - Bologna:

JUVENTUS (4-4-2): Storari: Sorensen, Bonucci Darzagli, Chiellini; Krasic, Melo, Marchisio, Martinez; Toni, Matri. A disp.: Manninger, Motta, Grygera, Traoré, Pepe, Iaquinta, Del Piero. All.: Delneri

BOLOGNA (4-3-1-2):
Viviano; Esposito, Britos, Portanova, Rubin; Casarini, Mudingayi, Perez; Della Rocca; Di Vaio, Meggiorini. A disp.: Lupatelli, Cherubin, Morleo, Mutarelli, Montelongo, Gimenez, Paponi. All. Malesani.

L'arbitro designato per l'incontro è Romeo di Verona.

Rugby: Italia - Galles, 26 febbraio 2011, diretta ore 15 e 30

Nel 6 nazioni di Rugby, l'Italia oggi affronta, al Flaminio di Roma, il Galles alle ore 15 e 30 per la terza giornata del Torneo.
Gli azzurri di Mallett, dopo una settimana di sosta, tornano in campo per cercare di vincere dopo le batoste delle prime due uscite inflitte da Irlanda (11 a 13 per i Verdi) e Inghilterra.

Il match è trasmesso in diretta tv su Sky Sport 2 ore 15.30 mentre in differita da La7 alle ore 17 e 45.

giovedì 24 febbraio 2011

Inter - Bayern Monaco 0 - 1 commento

Ieri sera si è giocata Inter - Bayern Monaco trasmessa da Raiuno alle ore 20 e 45 che avevo pronosticato con una vittoria per i nerazzurri per uno a zero; e anche con tale risultato scrivevo che non sarebbe stato tranquillo il ritorno.
Immaginatevi dunque dopo una sconfitta interna...
a partita finita dissi "godiamoci la visita all'esposizione della Coppa Champions League dei primi di marzo che avremo in Sicilia perchè temo che per vedere un'altra finale di Champions League come quella del 2010 tra Inter e Bayern Monaco passeranno altri 40 anni...".

Tabellino di Inter - Bayern Monaco:

Marcatori: 45' st Gomez

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 15 Ranocchia (29' st 14 Kharja), 26 Chivu; 4 Zanetti, 8 Thiago Motta, 19 Cambiasso; 5 Stankovic, 10 Sneijder; 9 Eto'o.
A disposizione: 12 Castellazzi, 17 Mariga, 23 Materazzi, 27 Pandev, 55 Nagatomo, 29 Coutinho,
Allenatore: Leonardo

Bayern Monaco: 35 Kraft; 21 Lahm, 44 Tymoshchuk, 28 Badstuber, 23 Pranjic (38' 2 Breno); 30 Gustavo, 31 Schweinsteiger; 10 Robben, 25 Muller, 7 Ribery; 33 Gomez.
A disposizione: 1 Butt, 5 Van Buyten,16 Ottl, 8 Altintop, 39 Kroos, 18 Klose.
Allenatore: Luis Van Gaal.

Arbitro: Viktor Kassai (Ungheria)
 
Ammoniti: 21' Zanetti, 34' Ribery, 11' st Sneijder, 43' st Thiago Motta, 43' st Gustavo.
Tempi di recupero: 1'- 2'.
Spettatori: 75.925

Commento Inter - Bayern Monaco:

primo tempo

Leonardo ha schierato l'albero di Natale con Eto'o ultima punta e Stankovic - Sneijder dietro.
L'Inter è partita fortissimo pressando i portatori di palla, passa un solo minuto e sugli sviluppi di un calcio di punizione Ranocchia tira in porta e sfiora il gol per pochissimo che passa accanto al palo sinistro con Kraft battuto!
Lì per lì dissi "ahhh quanto rimpiangeremo questo gol mancato..." e infatti il risultato finale è tutto un programma.

Nonostante quest'occasione mancata, il Bayern non reagisce e il punto debole degli avversari è la difesa bavarese che si trova in difficoltà quando Eto'o tiene palla in attacco.

L'Inter domina il primo tempo, al 18' ottimo cross di Maicon per Stankovic che Kraft intercetta, due minuti più tardi Eto'o viene steso dentro l'area di rigore da Tymoshchuk e sarebbe il classico "rigore ed espulsione" e invece l'arbitro Kallai lascia proseguire tra le proteste generali!

Al 21' è stato ammonito Zanetti, il primo della gara, per un falletto a centrocampo  mentre Kallai ha graziato almeno due interventi duri effettuati da giocatori bavaresi come quello su Sneijder che quasi si infortunava nuovamente!
Al 23' ancora Inter in avanti con Eto'o che serve Cambiasso a tu per tu con il portiere avversario a distanza ravvicinata: in questa situazione, la conclusione debole e presa quasi inaspettatamente di Cambiasso 99 volte su 100 entra dentro la rete, invece solo per fortuna Kraft respinge senza sapere come e sulla ribattuta Stankovic prova a raccogliere la sfera ma la difesa nel frattempo interviene.

Insomma l'Inter ha dimostrato di tenere bene il campo e solo la sfortuna ha evitato il gol da fare; in difesa Ranocchia e Lucio sono stati davvero due baluardi che hanno evitato qualsiasi sortita avversaria, l'ex Genoa è stato davvero stratosferico negando qualsiasi iniziativa dentro la nostra area andando sia in marcatura stretta che di testa su qualsiasi azione si sviluppasse dalle sue parti; Chivu è riuscito a tener testa sulla fascia sinistra a Robben con Cambiasso sempre a sostegno dietro, mentre dall'altra parte Maicon e Ribery si sono dati battaglia.

Al 24' il Bayern con facilità ha creato l'azione d'attacco sulla sinistra con Robben che ha la meglio su Chivu e crossa per Riberty che di testa manda la sfera sulla traversa!

Al 29' altra occasionissima per gli avversari con Gomes che raccoglie il cross di Lahm e calcia alto.

Al 33' ancora l'Inter vicina al gol con Eto'o che trova però un attentissimo Kraft che nega la gioia del vantaggio nerazzurro.
Al 34' finalmente viene ammonito un bavarese dopo mille falli, si tratta del solito Ribery.

Sul finire di primo tempo ancora Inter all'attacco ma dopo un minuto di recupero le squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di 0 a 0.

I primi 45' minuti son stati ben giocati dall'Inter, nonostante ci sia stato il solo Eto'o avanti, le occasioni da rete non sono mancate; i nerazzurri meritavano il vantaggio e se il direttore di gara Kallai avesse concesso al 20' il rigore per fallo su Eto'o non ci sarebbero stati problemi secondo me a tenere ancorato il punteggio di uno a zero fino alla fine.
L'unico che non mi è piaciuto dei nostri è stato Stankovic, ha giocato pochi palloni buoni e in copertura si è visto poco.

Secondo tempo

pochi minuti di gioco e su cross di Robben, Muller di testa manda la palla fuori di pochissimo; al 7' Ribery passa a Robben che conclude in porta mancando la sfera sul palo esterno.

I tedeschi hanno a questo punto messo alle corde l'Inter che non riesce a togliere il pallone ai giocolieri avversari; è proprio questo che mi fa preoccupare in vista del ritorno, è molto difficile togliere palla a questi avversari che non appena si trovano uno spazio libero con due - tre tocchi giocano il pallone nella nostra area!

Per 10 minuti della ripresa l'Inter non ha toccato un pallone; all'11' Sneijder viene ammonito per proteste mentre in un'occasione precedente l'arbitro aveva fatto finta di non sentire Muller che era stato più nervoso del nostro olandese.

Al 12' per caso abbiamo superato il centrocampo e addirittura sprecato il gol con Cambiasso che a un metro dalla linea di porta calcia alle stelle un pallone che andava solo accompagnato in rete! Su cross di Maicon, Eto'o al volo ha colpito la palla indirizzandola in porta dove un attento Kraft ha respinto proprio sui piedi del Cuchu che ha concluso sopra la traversa.

Un minuto più tardi Robben sfiora il gol che sarebbe stato di beffa.

Al 28' Ranocchia si fa male da solo, purtroppo starà fermo un mese.
Al suo posto entra Kharja che ha giocato benino e il suo tiro al 35' viene deviato in angolo dall'insuperabile Kraft.
Al 40' Inter vicinissima nuovamente al gol sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Sneijder dove il colpo di testa di Thiago Motta viene parato da Kraft trovatosi al posto giusto al momento giusto ricordando una parata simile a quella di Buffon nel match Juventus - Inter.

Al 43' vengono ammoniti Thiago Motta e Gustavo che dentro area di rigore prima dell'esecuzione del calcio d'angolo per i Nerazzurri si strattonano davanti agli occhi dell'arbitro.
Inter vicina al gol in altre due occasioni ravvicinate tra cui una con Eto'o che si trova davanti un muro rosso che protegge Kraft.

Sembrava che la squadra di Leonardo avesse finalmente respinto l'iniziativa bavarese e che il match stesse lentamente terminando sullo 0 a 0 quando un'incursione di Robben con annesso tiro in porta cambia le sorti della partita: il tiro viene respinto da Julio Cesar proprio sui piedi di Gomez che si trova pronto a raccogliere e insaccare portando i tedeschi sull'1 a 0.
Per il nostro portierone si tratta di una papera, lui non si da pace eppure il replay sembra mostrare una conclusione del fenomeno del Bayern che non è facile trattenere, anche perchè il rimbalzo è stato strano...
due minuti di recupero e la partita termina nel peggiore dei modi.

Brutto arbitraggio, c'è poco da fare!
Due pesi e due misure in diversi episodi.
Leonardo forse doveva fare entrare Pandev al posto di Stankovic e giocare con due punti, al ritorno dovrà sicuramente giocare così e sperare anche se è molto duro, quasi impossibile, il passaggio del turno.

mercoledì 23 febbraio 2011

Inter - Bayern Monaco diretta Raiuno ore 20 e 45

Manca meno mezz'ora al calcio di inizio di Inter - Bayern Monaco in programma alle ore 20 e 45 di oggi 23 febbraio 2011, poco fa ho messo il mio pronostico per la sfida.
La partita di San Siro si potrà seguire in diretta tv su Raiuno a partire dalle ore 20 e 45.
Ecco le formazioni che scenderanno in campo:
INTER (4-3-2-1): Julio Cesar, Maicon, Lucio, Ranocchia, Chivu; Zanetti, Thiago Motta, Cambiasso; Stankovic, Sneijder; Eto'o.
Allenatore Leonardo.

BAYERN MONACO (4-2-3-1): Kraft, Lahm, Tymoshchuk, Badstuber, Pranjic; Schweinsteiger, Luis Gustavo; Robben Muller, Ribery; Gomez.
Allenatore Van Gaal.

Forza Inter!

Inter - Bayern Monaco, 23 febbraio 2011, pronostico

Nuovamente, una stagione dopo in Champions League, Inter e Bayern di Monaco si affrontano dopo la notte magica di Madrid e stavolta il pronostico della sfida non è facile, visto che i Nerazzurri sono calati notevolmente rispetto all'anno scorso.

Nell'Inter infatti non ci sarà il Principe Diego Milito infortunato, mentre sembra recuperato a tutti gli effetti Lucio anche se non gioca da inizio febbraio.

A parte il bomber che l'anno scorso siglò la decisiva doppietta con il Bayern di Monaco, mancherà il neo arrivato Pazzini che non può essere schierato in Champions League.

Per il resto la formazione è al completo; nel Bayern rispetto all'anno scorso ci sarà Ribery e questo è un giocatore importantissimo per i tedeschi e un problema in più per la squadra di Leonardo.

La difesa dei bavaresi non è molto forte ma dalla cintola in sù il Bayern è pericolosissimo quindi per l'Inter si preannuncia una battaglia difficile da aggiudicare senza sofferenza, basti ricordare con il Cagliari sabato sera che fatica...

insomma il mio pronostico è di uno a zero (un gol di scarto di vantaggio) per l'Inter, ma io sono tifoso nerazzurro... il ritorno a Monaco sarà molto impegnativo anche in caso di una vittoria di misura.
Speriamo bene, forza Inter!!!

In questo collegamento: formazioni e diretta tv di Inter - Bayern Monaco.

martedì 22 febbraio 2011

Esposizione Coppa Champions League a Sciacca, martedi 1 marzo 2011

A Sciacca (Trapani), presso la Sala Blasco del Palazzo di Città Corso Vittorio
Emanuele nei pressi della grande Piazza A. Scandaliato, ci sarà dalle ore 11 alle ore 21 del martedi 1 marzo 2011, l'Esposizione della Coppa Champions League che ha vinto l'Inter l'anno scorso 22 maggio 2010 nella mitica finale di Madrid!
Il contributo per farsi la fotografia con il mitico trofeo è di 10 euro (5 per i soci Interclubs e per tutti i bambini under 10), in questo modo contribuiranno indirettamente a un progetto coordinato da Inter Campus ed UNICEF.

Si segnalano le altre tappe siciliane, sottolineando che la Sicilia è l'unica regione che ha goduto di ben 4 date:

  1. Lunedi 28 febbraio 2011 la Coppa farà tappa a Palermo presso il Loggiato San Bartolomeo dalle ore 11 alle ore 21
  2. 2 marzo: Caltanissetta, Centro Michele Abbate Via Niscemi, 284 (Ex Macello) dalle ore 11,00 alle ore 21,00
  3. 3 marzo: Blu Hotel PORTOROSA sito nel comune di Furnari (ME) dalle ore 11,00 alle ore 20,00.
Altri reportage attività Inter Club:

Inter: 2a giornata nerazzurra siciliana, Raffadali (Ag) del 20 febbraio 2011

Domenica 20 febbraio 2011 si è svolta nella sede dell'Inter Club di Raffadali (Ag) la seconda giornata nerazzurra siciliana, organizzata dal Centro Coordinamento Inter Club, a cui hanno preso parte diversi rappresentanti e soci degli Inter Club della regione.
In basso alcune foto della manifestazione:
in alto al microfono il dottor Mario Chillura, Coordinatore Regionale degli Inter Club, che ha discusso con i presenti le varie attività affrontate nell'anno 2010 e iniziative da proporre per l'anno in corso; in basso la parola al prof. Luigi Costanza, presidente Inter Club ospitante (Raffadali), il più vecchio circolo dell'Inter della Sicilia essendo stato fondato il 27 dicembre 1968:
 in basso la proiezione di una breve clip sulle note di Pazza Inter realizzata a Salina (nelle Eolie), il video mi è piaciuto tantissimo dove dei tifosi nerazzurri riempivano l'isola e poi sventolavano le bandiere su un galeone:
 
In basso l'ingresso dell'Inter Club di Raffadali (Ag):
come potete notare è su due piani, davvero gigantesco, e addobbata di gadget dell'Inter, ecco una sala interna:

Dopo la riunione c'è stato il pranzo al ristorante La Terra e il Sole dove abbiamo mangiato tantissimo con davanti le partite di serie A in diretta tv:
ed ecco l'esultanza al momento del pareggio del Chievo con il Milan avvenuto al 16' del secondo tempo con Fernandes:

dopo il gol del Milan di Robinho con tocco di braccio era calato il silenzio in sala, purtroppo il pareggio del Chievo è durato solo 20 minuti, al 37' Pato ha riportato i Rossoneri in vantaggio.
Per festeggiare la giornata nerazzurra ecco le torte:
e alle 17 è terminato il raduno.

Altri reportage attività Inter Club:

lunedì 21 febbraio 2011

Formula1: annullato Gp del Bahrein

La notizia era nell’aria, ma adesso è ufficiale: niente Gran premio del Bahrein di Formula 1.
Cancellata dunque la gara inaugurale del Mondiale, che si sarebbe dovuta tenere il 13 marzo 2011.

Era rischioso infatti far gareggiare le vetture di Formula 1 visto che la situazione nel piccolo stato del Golfo Persico, teatro nei giorni scorsi di duri scontri tra manifestanti e polizia.

Ecco il comunicato:
"Il Bahrein International Circuit ha annunciato oggi che il Regno del Bahrein rinuncerà ad ospitare il Gran Premio di Formula Uno di quest'anno così che il paese possa concentrarsi sul suo processo di dialogo nazionale", hanno fatto sapere gli organizzatori.

Risultati 26a giornata serie A 2010/11

In basso i risultati della 26a giornata di serie A 2010/11, incontri disputati nel week end 19 e 20 febbraio 2011:

anticipo del sabato:

ore 18:
Bologna – Palermo 1 – 0

ore 20 e 45:
Inter – Cagliari 1 – 0 (commento)

domenica 20 febbraio 2011

ore 12 e 30:
Lecce – Juventus 2 – 0

ore 15:
Chievo – Milan 1 – 2
Fiorentina – Sampdoria 0 – 0
Genoa – Roma 4 – 3
Lazio – Bari 1 – 0
Parma – Cesena 2 – 2
Udinese – Brescia 0 – 0

posticipo ore 20 e 45:
Napoli – Catania 1 – 0.

In basso tutti i collegamenti con i risultati dalla 1a alla 28a giornata di serie A 2010/11:

sabato 19 febbraio 2011

Inter - Cagliari 1 - 0 commento

Terminata un'ora fa Inter - Cagliari, di oggi 19 febbraio 2011 con la vittoria sofferta dei Nerazzurri per uno a zero grazie ad un gol al 7' minuto del primo tempo di Ranocchia.

Il tabellino di Inter - Cagliari:


Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 15 Ranocchia, 2 Cordoba, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 8 Thiago Motta (27' st 19 Cambiasso); 27 Pandev, 14 Kharja (33' st 17 Mariga), 9 Eto'o (16' st 5 Stankovic); 7 Pazzini.
A disposizione: 12 Castellazzi, 20 Obi, 23 Materazzi, 29 Coutinho.
Allenatore: Leonardo.

Cagliari: 1 Agazzi; 14 Pisano, 13 Astori, 21 Canini, 31 Agostini; 8 Biondini, 5 Conti, 10 Lazzari; 7 Cossu (25' st 4 Nainggolan); 18 Nené, 9 Acquafresca (19' st 30 Ragatzu).
A disposizione: 25 Pelizzoli, 3 Ariaudo, 20 Laner, 23 Missiroli, 24 Perico.
Allenatore: Roberto Donadoni.

Arbitro: Domenico Celi di Campobasso




Ammoniti: 7' Cossu, 46' st Mariga, 49' st Maicon.

Tempi di recupero: 1'-5'. Spettatori: 57.891.

Commento Inter - Cagliari: 

primo tempo

in vista della partita del 23 febbraio con il Bayern in Champions, l'Inter schiera Pandev dietro le punte al posto di Sneijder; Cambiasso e Stankovic a riposo anche.
I primi 4 minuti sono intensissimi, protagonista Pandev di due tiri insidiosissimi parati da Agazzi e Cagliari risponde con altrettanti conclusioni pericolosissime che Julio Cesar neutralizza con affanno.
C'era anche un rigore per i nerazzurri visto che in area di rigore avversaria è stato trattenuto Thiago Motta.

Davvero una partita iniziata con un ritmo forsennato, i Nerazzurri spingono e vanno in gol al 7' con Ranocchia su tiro di Kharja dopo che Eto'o ha battuto velocemente il calcio di punizione con i difensori cagliaritani imbambolati!
Il gol mi è parso in fuorigioco ma difficilissimo da vedere, dopo diversi replay sembrava addirittura che ci fosse stato un autogol; il portiere ha parato il primo tiro mentre nulla ha potuto successivamente.
Il Cagliari protesta e Cossu viene ammonito.

Un minuto dopo Biondini impensierisce Julio Cesar che devia in corner.

Sembra che tutti fili liscio e invece il Cagliari allo scadere si inventa un contropiede pericoloso tra cui uno molto interessante che viene neutralizzato da Nagatomo che anticipa Acquafresca.

il Cagliari viene ben controllato per tutto l'arco dei primi 45 minuti; dopo una partenza sprint, le due squadre si sono fermate.
Pandev e Nagatomo hanno giocato una grande partita! Male invece Pazzini che non ha toccato un pallone, Maicon ha crossato a vuoto e non è riuscito a saltare l'uomo più volte.
Cordoba purtroppo è in un'annata negativa, dà battaglia a chiunque avversario tenti di superarlo, ma troppo spesso ha amnesia e rischia di regalare al Cagliari azioni pericolosissime.

Secondo tempo:

la ripresa inizia con l'Inter che dorme e non si sveglia più, di contro il Cagliari ha corso dal primo all'ultimo minuto mettendo alle corde i Nerazzurri!
Grande lavoro di Ranocchia centrale destro che effettua molti interventi efficaci.

Non c'è verso di svegliare l'Inter, Pazzini e Pandev non toccano un pallone, Eto'o è costretto a tornare a centrocampo per procurarsi qualche pallone, mentre Nagatomo sulla fascia sinistra ha avuto buon gioco anche a metà del secondo tempo, poi una palla dalle sue parti non arriva! 

Al 16' Eto'o esce ed entra Stankovic, Leonardo dunque fa riposare il camerunese che anche oggi ha corso tantissimo!

Al 19' cambio per il Cagliari: esce Acquafresca ed entra Ragatzu; nonostante i due cambi per ambo le parti, gli avversari sono dominatori del campo; l'Inter non riesce ad uscire e i brividi sono tutti in area di rigore interista per uno scontro testa e testa che vede Zanetti accasciarsi al suolo e facendo temere il peggio; invece il nostro capitano dopo pochi secondi si alza come se non avesse accusato nessun colpo e continua a correre fino alla fine spronando la squadra a reagire!

L'Inter ha lasciato troppi spazi agli avversari, Thiago Motta ha cercato di fare il possibile ma era sempre circondato dalle "furie rosse" (la casacca dei sardi era rossa infatti).

Al 27' è uscito l'italo-brasiliano ed è entrato Cambiasso, al 33' invece Kharja fa spazio a Mariga.

Per la squadra di Leonardo è una sofferenza continua, forse doveva uscire Nagatomo visto che a sinistra non si è giocato più e tutti gli attacchi venivano dalla sinistra con Maicon che non mi è piaciuto tanto e poi dal centro.

I giocatori dell'Inter vorrebbero solo riposarsi in vista dell'impegnativo match di Champions e invece l'arbitro Cali concede 5 minuti di recupero in cui il Cagliari ha ancora corso e lottando cercando il pari.
Al 46' Mariga è stato ammonito, al 49' Maicon perde tempo e viene ammonito, diffidato salterà la gara di domenica prossima a Genova contro la Sampdoria.

In classifica l'Inter a 50 punti e in questo momento lontana solo due punti dal Milan.

Inter - Cagliari, 19 febbraio 2011, ore 20 e 45

Tra mezz'ora Inter - Cagliari in campo come anticipo della 26a giornata di serie A.

In basso le formazioni che probabilmente scenderanno in campo:

Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Cordoba, Ranocchia, Nagatomo; Zanetti, T. Motta, Kharja; Stankovic; Pazzini, Eto'o. All.: Leonardo

A disposizione: Castellazzi, Materazzi, Natalino, Mariga, Cambiasso, Pandev, Coutinho. 



Cagliari (4-3-1-2): Agazzi; Pisano, Canini, Astori, Agostini; Biondini, Conti, Nainggolan; Cossu; Nené, Acquafresca. All.: Donadoni

A disposizione: Pelizzoli, Ariaudo, Perico, Lazzari, Laner, Missiroli, Ragatzu. 

giovedì 17 febbraio 2011

Serie A: Sampdoria-Genoa 0-1 tabellino

Il derby della Lanterna numero 103, giocato ieri 16 febbraio 2010 alle ore 18 e 30 in contemporanea con Fiorentina - Inter, è terminato uno a zero per i Grifoni grazie al gol di Rafinha al 10' della ripresa.
Il match della 17a giornata di serie A era stato rinviato per neve il 19 dicembre 2010.

Il tabellino di Sampdoria - Genoa:
 


SAMPDORIA (4-4-2): Curci; Zauri, Lucchini, Gastaldello (1'st Volta), Ziegler; Dessena (28'st Zaza), Palombo, Poli, Guberti; Maccarone, Macheda (13'st Mannini). (Da Costa, Martinez, Koman, Tissone).
Allenatore Di Carlo

GENOA (4-4-2): Eduardo; Mesto, Dainelli, Kaladze, Criscito; Rafinha, Kucka, Milanetto, Rossi; Palacio (47'st Chico), Floro Flores (20'st Paloschi). (Scarpi, Moretti, Antonelli, Veloso, Jankovic).
Allenatore Ballardini

ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno


Ammoniti: Gastaldello, Palacio, Poli.

Fiorentina - Inter 1 - 2 commento

La partita recuperata, oggi 16 febbraio 2011 ore 18 e 30, della 17^ giornata della serie A 2010-2011 tra Fiorentina e Inter ha visto la vittoria dei Nerazzurri per 2 a 1.

Il tabellino di Fiorentina - Inter:

Marcatori: 6' autorete di Camporese, 33' Pasqual, 17' st Pazzini.

Fiorentina: 84 Boruc; 15 Comotto, 5 Gamberini, 31 Camporese, 23 Pasqual; 18 Montolivo, 4 Donadel (28' st 21 D'Agostino), 85 Behrami (41' st 9 Babacar); 7 Santana (27' 22 Ljajic) 11 Gilardino, 10 Mutu.
A disposizione: 89 Neto, 14 Natali, 21 D'Agostino, 29 De Silvestri, 32 Marchionni.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.

Inter:1 Julio Cesar; 13 Maicon, 15 Ranocchia, 2 Cordoba, 55 Nagatomo (26' st 14 Kharja); 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 5 Stankovic (44' st 20 Obi); 10 Sneijder (37' st 17 Mariga); 7 Pazzini, 9 Eto'o.
A disposizione: 12 Castellazzi, 23 Materazzi, 27 Pandev, 29 Coutinho.
Allenatore: Leonardo.

Arbitro: Antonio Damato (sez.arbitrale di Barletta)

Ammoniti: 20' Comotto, 41' st Stankovic.

Tempi di recupero: 2'-3'.

Commento Fiorentina - Inter:

primo tempo

esordio per Yuto Nagatomo, schierato da Leonardo nella posizione di terzino sinistro accanto alla coppia Ranocchia - Cordoba.
A centrocampo, con Thiago Motta squalificato per una giornata, torna Stankovic.

L'Inter parte forte ma è la Fiorentina al terzo minuto ad andare vicino al gol con il passaggio di Montolivo per Gilardino, fortuna che Cordoba anticipa l'attaccante viola.
Al 6' è un'autorete di Camporese, a chiusura del triangolo Eto'o-Maicon-Stankovic a portare in vantaggio i Nerazzurri.
La Fiorentina non ci sta e parte all'attacco dove trova un'Inter ben schierata che respinge le incursioni avversarie.
Per i toscani, al 20' viene ammonito Comotto al 27' si infortuna Santana che è stato sostituito da Ljajic.

Al 33' Pasqual con un tiro cross sorprende Julio Cesar e porta la Fiorentina sul risultato di parità.
Tre minuti più tardi ancora padroni di casa pericolosi con Montolivo ma per fortuna Ranocchia è attento come Julio Cesar che un'istante dopo para con i pugni la conclusione di Mutu.
Finalmente Pazzini al 42' si fa notare con  una conclusione di testa che porta la palla altra sopra la traversa, ancora Fiorentina pericolosa fino alla fine del primo tempo, in particolare al 45' con Ljajic ma è l'Inter fortunata a non passare in svantaggio.

Secondo tempo

l'Inter vicina al gol con Stankovic al 4' della ripresa con una conclusione di destro al volo che Boruc para.
All'11' risponde la Fiorentina con Gilardino ma sulla sua strada incontra uno strepitoso Ranocchia che lo ferma.

Sembra che per l'Inter non ci sia nulla da fare perchè la Viola è ben messa in campo ma al 17' Pazzini va in gol grazie ad una grande azione di Eto'o dalla destra che crossa sui suoi piedi.
Il primo cambio di Leonardo giunge al 26' della ripresa con l'ingresso di Kharja al posto di Nagatomo; due minuti dopo il tecnico della Fiorentina, Mihajlovic risponde con l'ingresso di D'agostino al posto di Donadel.
Al 37' ancora un cambio effettuato da Leonardo che inserisce Mariga sostituendo Sneijder e al 44' Obi entra al posto di Stankovic che era stato ammonito 3 minuti prima.

Dopo il gol dell'Inter la Fiorentina ha cercato di rendersi pericolosa ma i nostri centrali hanno fatto buona guardia, la loro azione più pericolosa è stata quella che ha sventato l'insuperabile Ranocchia su un passaggio di Gilardino per Babacar al 43', dopo appena due minuti dal suo ingresso in campo al posto di Behrami.

Dopo tre minuti di recupero l'Inter può esultare per i tre punti conquistati.

mercoledì 16 febbraio 2011

Roma - Shakhtar, 16 febbraio 2011, 2 - 3 tabellino

Stasera in Champions League, nell' andata degli ottavi di finale, la Roma ha perso clamorosamente in casa con lo Shakhtar allenato da Lucescu per 3 a 2!
I giallorossi dopo essere andati in vantaggio con Perrotta al 28', hanno preso 3 gol nel giro di 12 minuti chiudendo il primo tempo con un tre a uno senza appello.
Menez al 61' ha accorciato le distanza ma il punteggio finale è stato di 3 a 2 in favore degli ucraini.

In basso il tabellino di Roma-Shakhtar Donetsk:

ROMA:
Doni; Cassetti, Burdisso, Mexes, Riise (46' Castellini); Taddei, Perrotta, De Rossi, Menez; Vucinic (68' Borriello), Totti. A disposizione: Lobont, Juan, Simplicio, Brighi, Greco. Allenatore: Ranieri.

SHAKHTAR: Pyatov; Srna, Chygrynskiy, Rakitskiy, Rat; Mkhitaryan (78' Vitsenets), Hubschmann; Douglas Costa (66' Eduardo), Jadson (Alex Teixeira), William; Luiz Adriano. A disposizione: Khudzhamov, Stepanenko, Ishchenko, Chyzhov. Allenatore: Lucescu.

Arbitro: Benquerenca.

Ammoniti: Chygrynskiy, Luiz Adriano, Cassetti, Menez, Perrotta, Rakitskiy, Pyatov.

Marcatori: 28' Perrotta (R), 29' Jadson (S), 36' Douglas Costa (S), 41' Luiz Adriano (S), 61' Menez (R).

Il ritorno: Shakhtar Donetsk - Roma 3 - 0 tabellino.

martedì 15 febbraio 2011

Risultati 25a giornata di serie A 2010/11

In basso i risultati della 25a giornata di serie A 2010/11, incontri giocati nel week end 13 febbraio e 14 febbraio: 

sabato 12 febbraio, anticipi:

ore 18:


Milan-Parma 4-0

ore 20 e 45:
Roma-Napoli 0-2

domenica 13 febbraio 2011:

ore 12 e 30:

Palermo-Fiorentina 2-4

ore 15:
Bari-Genoa 0-0
Brescia-Lazio 0-2
Cagliari-Chievo 4-1
Catania-Lecce 3-2
Cesena-Udinese 0-3
Sampdoria-Bologna 3-1.
ore 20 e 45:
Juventus-Inter 1-0 (commento).

In basso la classifica:
Milan 52
Napoli 49
Lazio 45
Inter 44
Udinese 43
Juventus 41
Palermo 40
Roma 39
Cagliari 35
Fiorentina 32
Chievo 31
Sampdoria 30
Genoa 29
Bologna 29
Parma 26
Catania 26
Lecce 24
Brescia 22
Cesena 21
Bari 15.

In basso tutti i collegamenti con i risultati dalla 1a alla 28a giornata di serie A 2010/11:

lunedì 14 febbraio 2011

Juventus - Inter 1 - 0 commento

Il posticipo di domenica 13 febbario 2011 è finito 1 a 0 per la Juventus che batte un'Inter per nulla rassegnata fino alla fine ma sfortunata.

Il tabellino di Juventus - Inter:


Marcatori: 30' Matri

Juventus: 1 Buffon; 43 Sorensen, 15 Barzagli, 19 Bonucci, 3 Chiellini; 27 Krasic, 4 Melo (29' st 5 Sissoko), 14 Aquilani, 8 Marchisio (27' st 23 Pepe); 20 Toni (20' st 9 Iaquinta), 32 Matri.
A disposizione: 30 Storari, 10 Del Piero, 21 Grygera, 25 Martinez.
Allenatore: Luigi Delneri

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 15 Ranocchia, 4 Zanetti; 15 Kharja (15' st 27 Pandev), 8 Thiago Motta, 19 Cambiasso (28' st 55 Nagatomo); 10 Snejider; 7 Pazzini, 9 Eto'o.
A disposizione: 12 Castellazzi, 20 Obi, 23 Materazzi, 29 Coutinho, 57 Natalino.
Allenatore: Leonardo.

Arbitro: Paolo Valeri di Roma 2

Ammoniti: 34' st Sissoko, 42' st Maicon, 48' st Thiago Motta.
Tempi di recupero: 1'-4'.

Commento Juventus - Inter:

primo tempo
senza Lucio infortunato, i bianconeri hanno gioco facile in attacco con Cordoba che non è in grado di fermare gli avversari; il gol di Matri al 30' di testa su cross di Sorensen arriva in maniera inaspettata perchè l'Inter stava tenendo nonostante le mille difficoltà.
Pazzini completamente assente e Cambiasso sotto tono, mentre i padroni di casa hanno dato l'anima per vincere contro gli odiati rivali.

Secondo tempo

bella azione dell'Inter al 4' minuto: cross di Maicon e Pazzini di testa sorprende la difesa bianconera ma Buffon è bravissimo a respingere la conclusione.
La Juventus risponde tre minuti più tardi con Matri ancora di testa, in giornata di grazia, su cross di Krasic.

Finalmente al 15' della ripresa Leonardo decide di togliere l'inconcludente Kharja e inserisce un dinamico Pandev, mentre Cambiasso in serata no, uscirà solo 13 minuti più tardi per far posto a Nagatomo.

Alla mezz'ora grande giocata di Eto'o ma la sua corsa si arresta sull'uscita di Buffon che gli toglie la sfera.

Al 34' Sissoko viene ammonito, finalmente l'arbitro ha deciso di uscire i cartellini per i fallosi avversari!

al 37' ancora Inter in avanti con Sneijder che passa ad Eto'o che di destro colpisce il pallone in una buona posizione ma Buffon para.

L'Inter è viva e si spinge generosamente in avanti, la Juventus è stanca avendo corso tutta la partita, al 29' della ripresa Del Neri ha infatti effettuato tutti e tre i cambia, quindi Matri bersagliato dai nostri difensori si limita a passeggiare e a chiedere continue medicazioni fino al termine dell'incontro.

Al 43' l'occasione più importante per l'Inter: cross di Maicon, ammonito poco prima, dalla sua fascia di competenza (la destra) e tocco al volo di Eto'o da posizione ravvicinata che spedisce clamorosamente la sfera sulla traversa!
Un gol in quell'occasione avrebbe galvanizzato i nerazzurri e per come si erano visti gli ultimi minuti avrebbe addirittura potuto tentare il colpaccio!

Il camerunese non ha brillato per tutta la partita ma negli ultimi momenti di gioco si era spinto in avanti ed è stato solo sfortunato a non trovare il gol.

Al 45' ottimo passaggio di Sneijder per Eto'o ma il camerunese manda a lato.

Al 48' viene ammonito Thiago Motta e come l'anno scorso l'Inter perde a Torino.

I commenti e tabellini delle altre partite dell'Inter di quest'anno:

mercoledì 9 febbraio 2011

Stasera Germania - Italia diretta Raiuno ore 20 e 45

Oggi, 9 febbraio 2011, amichevole di lusso a Dortmund tra Germania e Italia di calcio, in diretta tv su Raiuno a partire dalle ore 20 e 45.

Il ct della nazionale italiana, Cesare Prandelli, ha convocato ben tre nerazzurri per l'amichevole di stasera con la Germania: l'italo-basiliano Thiago Motta al debutto, Andrea Ranocchia e Giampaolo Pazzini.
Questo l'undici iniziale azzurro annunciato per il match di Dortmund (4-3-1-2): Buffon; Cassani, Ranocchia, Bonucci, Chiellini; Montolivo, De Rossi, Thiago Motta; Mauri; Cassano, Pazzini.

martedì 8 febbraio 2011

Panchina d'oro a Mourinho

Il tecnico ex Inter, Mourinho, che ci ha fatto vincere la tripletta da leggenda, è stato premiato con la Panchina d'oro come migliore allenatore della stagione 2009/10!
Tra i suoi elettori anche Allegri e Ranieri. 

Il riconoscimento e' stato assegnato al Centro tecnico federale di Coverciano a Firenze, dove non era presente pero' il tecnico ora al Real Madrid.


Del Neri si è piazzato al secondo posto, terzo Ranieri.  

La panchina d'argento a Bisoli per quanto fatto a Cesena.

La Figc ha inoltre consegnato il premio speciale ad Alberto Zaccheroni per i successi nella coppa d'Asia alla guida del Giappone.

Inter: Diego Milito fuori 40 giorni

Dopo Lucio infortunato un mese, altra tegola per l'Inter viene dal bomber Diego Milito che si è infortunato nuovamente (e' il terzo infortunio al bicipite femorale della gamba sinistra dall'inizio dell'anno) in Inter - Roma; il sito Inter.it comuni che si tratta di «uno stiramento di secondo grado al bicipite femorale della coscia».
Ancora un'Odissea per il goleador nerazzurro della stagione 2009/10 che quest'anno ha giocato poco e male.
L'argentino stiratosi ad una coscia salterà la sfida con la Juve e il Bayern in Champions

Ciclismo: malore per Riccardo Riccò

 

lunedì 7 febbraio 2011

Inter - Roma 5 - 3 commento

Acquisiti i risultati della 24a giornata di serie A 2010/11, la serie A ha offerto un posticipo di lusso tra Inter e Roma che non ha deluso le attese dove entrambe le squadre hanno giocato una partita intensissima offrendo l'ennesimo spettacolo di una sfida senza fine tra Nerazzurri e Giallorossi.

Il tabellino di Inter - Roma:

Marcatori: 3' Sneijder, 13' Simplicio, 35' e 18' st (r) Eto'o, 26' st Thiago Motta, 30' st Vucinic, 36' st Loria, 45' st Cambiasso.

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 15 Ranocchia, 2 Cordoba, 4 Zanetti; 14 Kharja, 8 Thiago Motta, 19 Cambiasso; 10 Sneijder (30' st Nagatomo); 7 Pazzini (25' st Milito), 9 Eto'o
A disposizione: 12 Castellazzi, 20 Obi, 23 Materazzi, 27 Pandev, 29 Coutinho
Allenatore: Leonardo

Roma: 27 Julio Sergio; 77 Cassetti, 29 N. Burdisso, 4 Juan, 17 Riise; 20 Perrotta (22' st Taddei), 16 De Rossi, 30 Simplicio (26' st Greco); 94 Menez (19' st Loria), 22 Borriello, 9 Vucinic
A disposizione: 32 Doni, 3 Castellini, 33 Brighi, 87 Rosi
Allenatore: Claudio Ranieri

Arbitro: Paolo Tagliavento (sez. arbitrale Terni)

Ammoniti: 37' Kharja, 43' Borriello, 43' st De Rossi.

Espulso al 17' st Burdisso.

Recupero: pt 2, st 3.

Spettatori: 62.344.

Commento Inter - Roma:

primo tempo

dopo la squalifica di Chivu per 4 giornate per il pugno rifilato a Rossi in Bari - Inter, mi aspettavo a destra la presenza del nuovo arrivato Nagatomo e invece ha giocato capitan Zanetti che ha giocato benissimo in quel ruolo nonostante il suo attimo di distrazione in occasione del pareggio della Roma (1 a 1).

Bastano tre minuti all'Inter per andare in vantaggio, un gran gol da fuori area di Sneijder con un sinistro potentissimo che spedisce la sfera poco sotto l'incrocio dei pali sorprendendo un incolpevole Julio Sergio che addirittura era abbassato.
L'ottimo passaggio è giunto da Maicon dalla destra.

Un episodio in cui la panchina romanista ha protestato molto ha visto Borriello e Ranocchia strattonarsi a destra su un lancio non in fuorigioco e quindi azione regolare; l'arbitro non ha fischiato fallo alla Roma, il contatto c'è stato ma l'impressione è che entrambi si siano punzecchiati a vicenda.

La Roma non ci sta e attacca con Borriello ma Julio Cesar è attento, notare come i nostri centrali Cordoba e Ranocchia nonostante diversi buoni interventi siano però la lontana copia degli invincibili Lucio - Samuel, bastano pochi dribbling a Vucinic e Borriello per avere la meglio su di loro; se Ranocchia resiste qualche secondo in più, Cordoba invece a sinistra soffre moltissimo e Zanetti l'aiuta.

Al 13' il gol si subisce in maniera fin troppo facile con la Roma che pareggia con Vucinic che salta Cordoba, tocca per Cassetti che dalla destra crossa sul secondo palo dove Simplicio in scivolata anticipa Maicon e batte Julio Cesar.
L'Inter sembrava controllare bene il gioco a centrocampo ma è bastato a Thiago Motta perdere ingenuamente palla in quella zona del campo, come in Udinese - Inter quando un suo errore ha causato una piccola rissa.
In occasione del gol subito, vorrei far notare che Zanetti stava dietro Cordoba e al momento del passaggio a Cassetti, il cross era inevitabile; forse se il Capitano fosse stato un pò più a destra (bastava anche un metro) non avrebbe toccato palla Cassetti.

Due minuti dopo doppia parata strepitosa di Julio Cesar su Menez e Borriello che diventa terza nella stessa azione con il piede nell'altro palo.
La nostra difesa non fa stare tranquilli, balla troppo.

Al 22' l'Inter vicina al gol grazie ad una punizione di Sneijder calciata splendidamente; Julio Sergio non trattiene e sia Ranocchia che Thiago Motta non sono freddi nel buttare la palla dentro la rete; l'azione prosegue con tiro di Eto'o ma Burdisso respinge.

Nei minuti a seguire sale in cattedra Eto'o che con ampie falcate dalla sinistra si trova sempre dentro l'area di rigore della Roma dove crea diverse azioni, al 31' incontenibile Sneijder che di destro impensierisce Julio Sergio che para ma non trattiene.
Partita vivace con veloci capovolgimenti di fronte, il gol di Eto'o giunge al 35' di sinistro in diagonale dribblando Riise e con Julio Sergio che non trattiene.
Il San Siro va esplode scandendo il nome di Samuel Eto'o.
Appena un minuto dopo Eto'o vicino al raddoppio con tiro che finisce poco sopra la traversa.
Al 37' viene ammonito Kharja per fallo da dietro a centrocampo, il neointerista ha preso il pallone ma l'entrata è stata molto pericolosa.
Gli spalti di San Siro insorgono contro la decisione dell'arbitro Tagliavento, lo stesso che l'anno scorso in occasione di Inter - Sampdoria ne combinò di tutti i colori.
Al 42' ancora Sneijder micidiale va al tiro ma trova un Julio Sergio attento.

Un minuto più tardi Borriello è stato ammonito per manata a Thiago Motta.

Il primo tempo spettacolare e vivacissimo termina con ben 3 gol e tantissime azioni interessanti da una parte e dall'altra, nella Roma non solo per il gol, mi è sembrato il più in forma Simplicio; nell'Inter non mi sono piaciuti i centrali nonostante abbiano subito un solo gol, non davano sicurezza con Maicon che spesso restava in difesa a dar supporto ai due; brasiliano che nei contropiedi è ancora una volta devastante sulla destra dove i cross che effettua sono sempre pericolosissimi per i difensori avversari!
Male Pazzini che non tocca neanche un pallone, ottimo Sneijder che ha fornito diversi passaggi e assist ad Eto'o, Maicon, Cambiasso, ecc e faceva partire quasi seempre le azioni offensive.
Thiago Motta ha recuperato diversi palloni a centrocampo e in questi casi è preziosissimo, mentre si trova più volte ad avere amnesie spaventose perdendo dei palloni che consentono agli avversari di partire in contropiede (perde palla quando meno ci si aspetti.... e poi è sempre sfortunato a trovare l'antagonista avversario che si trova lì per caso abile a far partire il contropiede...).
Ottimo Julio Cesar con le sue parate che sopperisce alle assenze di Lucio e Samuel e quindi non fa notare gli svarioni dei nostri centrali.

Secondo tempo:

la Roma parte aggressiva e va al tiro con Riise al primo minuto, tra attacchi e contrattacchi i due portieri per 10 minuti restano disoccupati quando all'11 Pazzini tocca il suo primo pallone buttandolo in rete ma l'azione era stata fermata in fuorigioco al momento del passaggio di Cambiasso; il replay mostra l'outsider per pochissimi millimetri.

Sei minuti più tardi altro pallone toccato da Pazzini e stavolta in posizione regolarissima su passaggio di Sneijder, sorprende Burdisso che non può fare altro  che toccarlo per sbilanciarlo e fermare la sua corsa a tu per tu con Julio Sergio.
Tagliavento non ha dubbi e concede il rigore all'Inter sventolando il cartellino rosso come fallo da ultimo uomo all'ex nerazzurro Burdisso.

Al 17' Sneijder lancia Pazzini, che viene atterrato in area da Burdisso: Tagliavento espelle l'argentino e concede il rigore che viene trasformato da Eto'o un minuto più tardi.

Ranieri toglie Menez e inserisce Loria al 19', mentre al 23' sostituisce Perrotta (sarà che seguo solo i giocatori della mia squadra, ma non pensavo che fosse in campo) per Taddei.
L'Inter prende in mano la situazione e continua ad attaccare come se il punteggio fosse ancora in bilico, al 23' destro di Sneijder che viene parato da Julio Sergio, al 24' ancora l'olandese passa a sinistra ad Eto'o che dribbla e passa a Pazzini in mezzo all'area piccola ma il tiro del nuovo arrivato nerazzurro è debole e facile preda di Julio Sergio che non mi ha dato ieri l'impressione di essere una saracinesca, al di là dei 5 gol non è mai stato sicuro sui tiri che gli arrivavano anche se alla fine li ha respinti.

Al 25' esce Pazzini (strepitoso anche oggi, ma ripeto che ha toccato si e no 5 palloni ma decisivi e poi si è mosso molto bene dimostrando uno stato di forma eccezionale) ed entra Milito che non brilla da un pò di tempo.
Al 26' giunge il quarto gol dell'Inter con l'italo-brasiliano Thiago Motta (festeggia la convocazione di Prandelli in nazionale azzurra) su passaggio di testa di Eto'o che aveva ricevuto uno splendido assist di Sneijder.

Il pallone giunto al nostro centrocampista a un metro dalla porta era impossibile da sbagliare ("insbagliabile") al punto che mi son messo ad esultare per il gol già un attimo prima che la palla varcasse la linea di porta.

La Roma effettua il terzo cambio togliendo Simplicio e buttando nella mischia Greco.

Nell'Inter al 30' esce il bravissimo Sneijder ed entra il giapponese Nagatomo che si va a piazzare a sinistra mentre Zanetti si sposta a centrocampo avanti a Maicon, a destra.


Bastano pochi istanti dall'ingresso in campo del primo giapponese nella storia dell'Inter che sfortunato assiste alla Roma tra le dormite generali andare a segno con Vucinic che fortunato nel rimpallo raccoglie il tiro su punizione di De Rossi.
Il gol è regolarissimo anche se ho visto Maicon alzare la mano, mi chiedo come possa essere lasciato così tranquillo un attaccante (erano tre a marcarlo, gli elementi in barriera).

Vorrei far notare che Borriello a centrocampo ferma un'azione interessante di Zanetti sulla destra scaraventandolo a terra, essendo stato già ammonito andava espulso e quindi è stato graziato da Tagliavento (a dire il vero era un fallo tattico non proprio da ammonizione visto che Vucinic è stato più volte amnistiato per episodi peggiori ma non mi è andato giù il cartellino giallo di Kharja).

L'Inter dorme cullandosi dei due gol di vantaggio e passano appena 6 minuti dal terzo gol della Roma che giunge su un corner che non c'era; nell'azione precedente infatti Vucinic marcato da Maicon ha tirato fuori senza deviazione del brasiliano, per notare il torto però ci son voluti 10 replay ravvicinati di Sky uno dopo l'altro!

Sull'angolo battuto, Juan colpisce il palo destro e nel rimbalzo verso il centro dell'area piccola Loria raccoglie e va a segno.

La solita pazza Inter che in vantaggio 4 a 1 con un uomo in più non fa mai stare tranquilli i suoi tifosi e addirittura in quel momento dava l'impressione di farsi rimontare!

Ammonito De Rossi nella Roma al 43'.
Più Roma che Inter negli ultimi minuti ma le occasioni sprecate dai Nerazzurri sono imbarazzanti, al 44' grande parata di Julio Sergio su Eto'o ma da notare Milito a porta vuota e sulla linea dell'area piccola si trova il pallone nei piedi a seguito di un rimpallo ma calcia sopra la traversa.

Al 90'  cross basso di Eto'o, Zanetti raccoglie e serve Cambiasso che la mette dentro di sinistro trovandosi al posto giusto al momento giusto.
Tre minuti di recupero che l'Inter gestisce bene e si porta a casa i tre punti.

Da notare come Nagatomo sulla sua fascia di competenza ha corso moltissimo in profondità creando anche azioni interessanti.

Nel secondo tempo Eto'o, Sneijder e Pazzini sicuramente i migliori, male Milito ancora una volta, benissimo Zanetti che fino all'ultimo istante aveva energie per correre su un pallone conteso.
Onnipresente Thiago Motta mentre Cambiasso è al suo quinto gol stagionale.
Maicon sulla fascia destra ancora devastante mentre il ritorno di Julio Cesar è una sicurezza nel reparto arretrato.

Nel dopo partita, alla Domenica Sportiva, Ranieri ha commentato la partita in modo perfetto, a me sembra sempre un signore.
La trasmissione Rai ha elogiato il lavoro di Leonardo e la vittoria dell'Inter, mi spiace poi aver visto su Controcampo commentare i casi da moviola colpevolizzando l'arbitro di aver favorito l'Inter per non aver sanzionato per esempio dei falli a centrocampo!!!

Fed Cup: Italia batte Australia 4 a 1

Ancora l'Italia femminile del tennis continua a stupire e a regalare soddisfazioni agli appassionati della racchetta!
Le ragazze capitanate da Corrado Barazzutti hanno infatti conquistato la semifinale della Fed Cup battendo la temibile Australia per 4 a 1.
Lea prima giornata era partita malissimo per le campionesse in carica iridate 2010
e faceva poco sperare su questo risultato superlativo finale, infatti la nostra tennista di punta, Francesca Schiavone, aveva perso il match contro la Groth;
Il secondo incontro però è stato vinto da Flavia Pennetta contro la più quotata Stosur.
La domenica è stata di grazia con le nostre Schiavone - Pennetta superstar.
Francesca Schiavone che, come nella finale del Roland Garros del 2010, ha battuto Samantha Stosur con il punteggio di 7-6 3-6 7-5, conquistando il secondo punto per l'Italia.

Il punto decisivo è arrivato dalla Pennetta che ha vinto facilmente con la Groth per 6-3 6-2 mentre il 4 a 1 ininfluente è giunto dal doppio con il duo Roberta Vinci - Sara Errani che hanno regolato in tre set (2-6 7-6 6-4) la coppia avversaria Rodionova - Stubbs.

In semifinale le azzurre affronteranno la vincente tra Russia e Francia.

domenica 6 febbraio 2011

Risultati 24a giornata serie A 2010/11

Appena concluse le partite della 24a giornata di serie A 2010/11 delle ore 15 di oggi 6 febbraio 2011:

Brescia-Bari 2 a 0
Genoa-Milan 1 a 1
Lazio-Chievo 1 a 1
Lecce- Palermo 2 a 4
Napoli-Cesena 2 a 0
Parma-Fiorentina 1 a 1.


In precedenza avevo messo i risultati parziali al termine dei primi tempi.


L'anticipo delle 12 e 30 tra Bologna e Catania è terminato 1 a 0 per i padroni di casa, felsinei, mentre gli anticipi di ieri sono stati come sempre due: il pomeriggio alle ore 18 l'Udinese ha vinto 2 a 0 con la Sampdoria, mentre la sera alle ore 20 e 45 la Juventus ha vinto 3 a 1 con il Cagliari.

I Rossoneri ancora primi in classifica ma in caso di vittoria dell'Inter stasera con la Roma, i nerazzurri potrebbero portarsi a -5 rosicchiando ulteriori due punti alla capolista come è già accaduto al turno precedente con il pareggio per 0 a 0 in casa dei Diavoli con la Lazio e la vittoria dell'Inter 3 a 0 a Bari.
Vincendo successivamente il recupero con la Fiorentina l'Inter andrebbe a soli 2 punti dalla vetta trovandosi in piena lotta per lo scudetto.

ARGOMENTI DEL BLOG

Se vuoi mettere un collegamento a sul tuo blog copia e incolla il codice sottostante.