domenica 19 dicembre 2010

Inter - Mazembe 3-0 commento

Siamo i campioni del mondoooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Giornata storica quella di ieri 18 dicembre 2010 con i Nerazzurri che salgono sul tetto del Mondo, vincendo la World Cup, frantumando gli africani del Mazembe con un tre a zero che non ammette repliche (stesso punteggio con cui son stati distrutti in semifinale i sudcoreani del Seongnam).

In basso il tabellino di Inter - Mazembe:

Marcatori: 13' Pandev, 17' Eto'o, 41' st Biabiany.

Mazembe: 1 Kidiaba; 2 Kimwaki, 3 Kasusula, 4 Nkulukuta, 10 Singuluma, 11 Kabangu, 13 Bedi, 15 Kaluyituka (45' st 8 Ndonga), 20 Mihayo, 24 Ekanga, 27 Kasongo (1' st 6 Kanda).
A disposizione: 5 Tshani, 7 Mwepu, , 12 Mabele, 16 Sunzu, 18 Mvete, 21 Bakula, 28 Kanyimbu, 30 Kayembe
Allenatore: Lamine N'Diaye.


Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 2 Cordoba, 26 Chivu (9' st 5 Stankovic); 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 8 Thiago Motta (42' st 17 Mariga), 9 Eto'o; 27 Pandev, 22 Milito (25' st 88 Biabiany).
A disposizione: 12 Castellazzi, 21 Orlandoni, 10 Sneijder, 11 Muntari, 23 Materazzi, 31 Alibec, 36 Benedetti, 39 Santon, 40 Nwankwo.
Allenatore: Rafael Benitez

Arbitro: Yuichi Nishimura (Giappone)

Ammoniti: 12' Kaluyituka, 34' Ekanga, 43' Bedi, 34' st Thiago Motta, 39' st Kasusula.

Recupero: 2'-3'.

Commento di Inter - Mazembe:

la partita della vita, quella che un'interista ha sognato da una vita è giunta alle ore 18 del 18 dicembre 2010.
Ricordo la Coppa Intercontinentale disputata in due occasioni dal Milan degli olandesi (nel 1989 battè l'Atlético Nacional Medellin e nel 1990 l'Olimpia Asunción) che per via del fuso orario di Tokio veniva trasmessa di mattina presto e speravo che prima o poi toccasse anche all'Inter esserci.

La finale del Mondiale per club non è stata presentata come facile, infatti il Mazembe ha battuto il favoritissimo Internacional in semifinale e il più quotato Pachuca ai quarti di finale, quindi i gufi dicevano "non c'è due senza tre"; in realtà è stata semplicissima, nei primi 20 minuti infatti l'Inter è andata in gol due volte (13° Pandev e 17° Eto'o).

Nell'Inter c'è finalmente Maicon ma Benitez non fa scendere in campo Stankovic.
Zanetti sta a centrocampo, proprio davanti a Maicon, mentre Pandev e Milito davanti con l'argentino una punta.
Eto'o addirittura è partito dal centrocampo e tante azioni iniziavano proprio da lì!

Il presidente della FIFA, Joseph Blatter, saluta le squadre e subito dopo gli 11 africani si mettono a pregare sulla linea di porta.

Le due squadre si studiano e nei primi 10 minuti l'Inter pensa solo a fare possesso palla contro un Mazembe sulla difensiva che sembra solidissimo e capace di respingere con facilità gli attacchi di Eto'o e compagni.
Pandev ha toccato due palloni ed entrambi son finiti quasi subito sui piedi dei difensori africani mentre Milito ha fornito un buon passaggio in fase offensiva ma gli interminabili 10 minuti iniziali mi stavano dando l'impressione che la partita non sarebbe stato facile risolverla in scioltezza.

Al 13' però fallaccio di Kaluyituka su Cambiasso sanzionato con il giallo e l'insospettabile Goran Pandev va in gol nello stupore generale portando in vantaggio l'Inter.

L'arbitro Nishimura ha fermato diverse azioni fallose dei calciatori africani che a gioco fermo colpivano i nostri campioni per innervosirli e per perdere tempo; allucinante, antisportivo e grottesco il comportamento di Ekanga al 34' che prima simula un contatto in area di rigore nerazzurra e poi va a sbattere con violenza sull'ignaro Thiago Motta stramazzando al suolo con conseguente scenata per far espellere l'interista.
L'arbitro non ci casca e l'ammonisce per simulazione.
Gli africani giocano sconoscendo il fair play più elementare ma pensandoci bene si comportò in tal modo anche nel primo tempo di Barcellona - Inter 1 - 0 il blaugrana Busquets dopo una leggera manata di Thiago Motta con conseguente rosso per il nerazzurro.

Al 17' il raddoppio dell'Inter con Eto'o che senza guardare tira nell'angolino destro sorprendendo il portiere avversario Kidiaba che non poteva arrivarci; l'azione che ha portato alla rete è stata combinata dal trio Cambiasso-Zanetti-Pandev.

A questo punto i solidi africani si sciolgono come un ghiacciolo e l'Inter si trova a tenere in pugno la partita sfiorando il terzo gol al 24' con Diego Milito che l'anno scorso non avrebbe sbagliato in tale situazione a tu per tu neanche con una gamba sola... 
vorrei far notare la freddezza di Kidiaba che in quegli istanti si è messo a fare finte per distrarre il nostro bomber.
Al 32' Kaluyituka si fa pericoloso nell'area di rigore interista ma Julio Cesar non si fa sorprendere.

Al 42' ancora Milito in posizione interessantissima riceve palla da Pandev dopo un passaggio di Lucio al macedone ma ancora una volta si impappina e Kidiaba gli nega la gioia del gol: ancora una volta l'argentino sbaglia incredibilmente.

Al 43' viene ammonito Bedi nelle file del Mazembe, ennesimo fallo inutile e violento da parte degli avversari.
Al 45' Kaluyituka manca il gol per un soffio grazie all'intervento di Cordoba che ha disputato un'ottima partita.

Due minuti di recupero e l'Inter termina il primo tempo in vantaggio per due a zero! I tifosi africani ballano ed esultano come se fossero loro in vantaggio.
La squadra del Mazembe è scarsa, se il Seongnam l'ho ipotizzata come una buona squadra della nostra serie C, questa invece credo che in serie B avrebbe qualche stentata chance di promozione...

Secondo tempo:

Al nono minuto della ripresa esce un buon Chivu ed entra Stankovic; al 15' ancora Milito sbaglia sotto porta su punizione colpendo debolmente la palla di testa mandandola fuori (inutile continuare a dire che l'anno scorso una simile occasione l'avrebbe realizzata).
Quattro minuti più tardi (19') il cross di Kabango mette in apprensione ma per fortuna Julio Cesar esce su Kaluyituka salvando ancora una volta la nostra porta; la sfera giunge a Kanda ma la nostra difesa devia in angolo.

Al 24' entra Biabiany al posto di uno spento Milito. Mi spiace questa sostituzione perchè speravo in un ennesimo gol del nostro bomber in questo splendido 2010!

Il giovanissimo talento appena entrato non gioca bene e sbaglia qualche passaggio ma al 41' del secondo tempo si inventa un gol stupendo mettendo definitivamente ko gli avversari.

Al 28' Maicon serve Pandev in maniera perfetta ma il macedone sbaglia il tris.

Al 30' occasionissima per il Mazembe con Kabango che vince un rimpallo e lancia per il solito Kaluyituka che innanzi a Julio Cesar perde il tempo utile per mandare la palla in gol e si lascia neutralizzare dal nostro portierone.

Al 41' Biabiany sigla il tris grazie all'assist di Stankovic e l'Inter ormai è imprendibile e lanciata verso la linea del traguardo!

Un minuto dopo Mariga sostituisce Thiago Motta, ammonito al 34' della ripresa, e i nerazzurri si arroccano in difesa aspettando la fine delle ostilità.

Dopo tre minuti di recupero l'arbitro giapponese fischia per tre volte e cala il sipario al Mondiale per club con l'Inter che si laurea campione del mondo!!!

1 commento:

  1. Indimenticabile come tutto questo stupendo 2010 nerazzurro.
    Un saluto.

    RispondiElimina

ARGOMENTI DEL BLOG

Se vuoi mettere un collegamento a sul tuo blog copia e incolla il codice sottostante.